Quali detrazioni ci sono nel BONUS RISTRUTTURAZIONE 2019?

Quali detrazioni ci sono nel BONUS RISTRUTTURAZIONE 2019?

Anno nuovo, casa nuova… o meglio RISTRUTTURATA!

Ebbene sì, anche quest’anno è possibile usufruire del BONUS CASA per dimezzare le spese di ristrutturazione e di acquisto di mobili effettuati entro il 31 Dicembre 2019. E’ proprio un’ottima notizia per tutti i clienti #GaspareMirrioneSpa, scopriamo insieme il perché! 😉

Il Bonus Casa è suddiviso in più categorie, quelle collegate ai nostri servizi sono:

  1. Bonus Ristrutturazione che consente una destrazione IRPEF pari al 50% per una spesa massima di 96.000 €, da suddividere in 10 quote annuali di pari importo, per chi effettua lavori di restauro, risanamento o ristrutturazione edilizia;
  2. Bonus Mobili consente una detrazione pari al 50% per un massimo di 10.000 €;
  3. EcoBonus prevede una detrazione pari al 50% per chi effettua interventi di risparmio energetico, come Tende da sole e Finestre ed Infissi, per un massimo di spesa pari a 60.000 € da suddividere in 10 anni.
 

Vediamo adesso i vantaggi di ogni singolo Bonus e chi può usufruirne.

 

1. BONUS RISTRUTTURAZIONE 🏠

Spetta SOLO in caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, indipendentemente dal valore dei lavori eseguiti sull’unità immobiliare residenziale e sugli edifici residenziali. Ma quali sono i lavori che danno diritto alla detrazione spese di ristrutturazione?

Ecco l’elenco:

  • Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia sull’unità o su più unità abitative, rurali, rustici e pertinenze;
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati sulle parti comuni degli edifici residenziali;
  • Ricostruzione o ripristino dell’immobile danneggiato;
  • Realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali, anche a proprietà comune;
  • Cablatura degli edifici, riduzione dell’inquinamento acustico, risparmi energetici, misure di sicurezza statica e antisismica degli edifici.
 

Sono detraibili al 50% anche le spese correlate all’intervento come:

  • spese di progettazione;
  • prestazioni professionali richieste in base al tipo di intervento;
  • spese per la messa a norma di impianti elettrici e a metano;
  • spese per l’acquisto di materiali;
  • compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori;
  • perizie e sopralluoghi;
  • IVA, bollo e diritti pagati per ottenere concessioni, autorizzazione e comunicazione di inizio lavori;
  • oneri di urbanizzazione.

NB gli interventi di manutenzione ordinaria sono agevolabili con il Bonus Ristrutturazione solo quando riguardano le parti comuni, infatti in questi casi la detrazione spetta ad ogni condomino in base alla quota millesimale.

Hanno diritto ad usufruire del Bonus Ristrutturazione:

  • proprietario o nudo proprietario;
  • titolare di usufrutto, uso, abitazione o superficie;
  • inquilino o comodatario;
  • soci di cooperative o di società semplici;
  • imprenditori individuali, solo per gli immobili ch enon rientrano fra quelli strutturali o merce;
  • il familiare convivente, ovvero coniuge, parente entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado, il componente dell’unione civile;
  • il coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  • il convivente more uxorio.
 

2. BONUS MOBILI  Immagine correlata

Questo bonus prevede la possibilità di detrarre le spese per mobili acquistati nel corso del 2019 entro il 31 Dicembre ma solo per chi realizza un intervento di ristrutturazione iniziato a partire dal 1° Gennaio 2019 ed anche in questo caso la destrazione spettante viene suddivisa in 10 quote annuali per un massimo di 10.000 €.

NB per fruire di questa agevolazione la data di inizio dei lavori di ristrutturazione DEVE essere anteriore a quella dell’acquisto dei mobili.

Sono quindi detraibili al 50% le spese per l’acquisto di:

  • letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, illuminazione;
  • NON spetta invece per l’acquisto di porte, parquet, tende a meno che non siano provviste di schermature solari (attraverso l’Ecobonus, lo vedremo a seguire);
  • rientrano nel bonus mobili le spese per il trasporto e il montaggio dei beni acquistati solo se la spesa è tracciabile attraverso bonifico, carta di credito o debito.
 

3. ECOBONUS 🌱

Questo bonus è stato pensato per premiare tutti gli acquisti legati al risparmio energetico. Nel nostro caso il vantaggio riguarda l’acquisto di Tende da sole e Finestre ed Infissi (questi ultimi detraibili anche con il Bonus Ristrutturazioni) per una detrazioni pari al 50% su una spesa massima di 60.000 €.

Nello specifico, per ottenere la detrazione è importante che:

  • il pagamento sia effettuato tramite bonifico sul quale siano indicati tutti i dati del beneficiario della detrazione così come del beneficiaro del bonifico;
  • asseverazione di un tecnico abilitato o dichiarazione resa del direttore dei lavori;
  • certificazione energetica dell’immobile, rilasciato dalla Regione o dall’Ente Locale o attestato di di qualificazione energetica predisposto da un professionista abilitato;
  • invio della comunicazione ENEA Ecobonus entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori.
   

Come abbiamo visto sono molte le agevolazioni attive per tutto il 2019, dal Bonus Ristrutturazione ai Bonus Mobili ed Ecobonus le possibilità sono numerose! Se per questo anno hai in progetto una o più delle spese descritte in questo articolo vieni a trovarci allo Showroom Gaspare Mirrione di Castelvetrano, i nostri tecnici sapranno consigliarti gli acquisti migliori per usufruire delle detrazioni e ti accompagneranno lungo tutto il percorso dalla progettazione alla realizzazione dei lavori.

Ti aspettiamo! 😉

       
No Comments

Post a Comment

liseli porno
HD Porno